Fai Bei Sogni – Massimo Gramellini

La perdita di un genitore segna per sempre la vita di chi la subisce. E quando sembra che ogni cosa sia tornata al posto giusto, quando sembra che sia arrivata la rassegnazione ecco che il passato riaffiora, come un vortice che risucchia completamente oppure come un fulmine che si abbatte senza preavviso.

Così Massimo Gramellini, con il suo Fai bei sogni, che ha venduto circa 1milione di copie per Longanesi, si è rivelato, o meglio, ha rivelato quella che è la sua storia personale e ha messo per iscritto tutto il tormento interiore che ha vissuto da quando aveva 9 anni fino a oggi. E già perché proprio lui ha perso la madre e solo dopo circa 40 anni ha scoperto la verità su quella morte misteriosa.

Un segreto di famiglia che viene alla luce così, senza preavviso, un segreto svelatogli da quella pagina di giornale dove lui ha scritto varie volte. Uno scherzo del destino particolarmente triste e tragico.

Fai bei sogni è un testo che può essere diviso in due parti, una prima, che al pubblico può risultare fredda e tante volte anche banale, perché ha messo in bocca al bambino che lo rappresenta un linguaggio a volte artificioso e forzatamente costruito, e una seconda, che fa del libro un’icona di tenerezza e semplicità emotivamente coinvolgenti.

Lo scrittore usa uno stile chiaro, giornalistico, conciso ed erudito. E le sue riflessioni coinvolgono il fruitore al tal punto da renderlo partecipe della sua storia.

Pur di non fare i conti con la realtà preferiamo convivere con la finzione, spacciando per autentiche le ricostruzioni ritoccate o distorte su cui basiamo la nostra visione del mondo.

[…] Per rassicurarci nei nostri pregiudizi, leggiamo e ascoltiamo solo chi già la pensa come noi. […] L’intuizione ci rivela di continuo chi siamo. Ma restiamo insensibili alla voce degli dei, coprendola con il ticchettio dei pensieri e il frastuono delle emozioni. Preferiamo ignorarla, la verità. Per non soffrire. Per non guarire. Perché altrimenti diventeremmo quello che abbiamo paura di essere. Completamente vivi.

E con ciò rimembra a tutte le mamme la fatidica paura di cosa ne sarà dei propri figli se dovessero venire a mancare oppure ai figli cosa ne sarà del loro futuro se dovessero restare orfani. Con tutto che

I se sono il marchio dei falliti! Nella vita si diventa grandi nonostante

il testo è un inno all’amore, al valorizzare il momento che fugge da un istante all’altro. E ha dato la carica, a tutti coloro che erano rassegnati ai celati segreti familiari, a ricercare il proprio passato per farvi pace nonostante, appunto, i se!

Fai bei sogni
Massimo Gramellini
Longanesi Editore
Prezzo di copertina € 14,90
Pagine 223

Maria Ausilia Gulino

Maria Ausilia Gulino

Teacher – Journalist