Grigio – Caterina Saracino

Morgana è una ragazza che vive nel grigiore della tragedia che le è pioppata improvvisamente addosso. Dedica la sua vita al fratello, vittima di un dramma che lo segna per sempre. E da questo triste episodio scaturiscono sentimenti opachi, quotidianità spente, vite morte.

Il romanzo di Caterina Saracino tocca temi iridescenti, e malgrado l’apparente neutralità del colore cui dà il titolo, scaturiscono colori talvolta accesi che sfociano in un iter psicologico di crescita interiore. La famiglia prima di tutto, nelle varie sfaccettature, in quelle autentiche spogliate dalla superficialità della perfezione. E l’amore, un sentimento strano, affrontato quasi in sordina per poi sfavillare con tutta la sua forza con la brillantezza della luce, che si dimostra come elemento portante di tutto il racconto.

Comincia con un brivido, lo stesso che fa tacere sentimenti ed emozioni, perché dopo il dramma fortuito che nessuno si aspetta, e che potrebbe capitare a chiunque, chiude le menti di chi lo legge, con un sottile brivido di paura e sostanziale disagio. Continua con uno stile elegante, perché l’autrice con la maestria della penna tocca quei temi importanti con delicatezza, mentre le descrizioni degli stati d’animo sono precisi e realizzati in punta di piedi. Morgana alla fine viene scossa, da quell’amore che ha covato dentro per anni, dallo stesso che solo un lui riesce a tirare fuori. E quel grigio maledetto che l’ha sempre caratterizzata nel corpo e nell’animo diventa bianco, e rosso, colori della quiete e della passione per la vita, per la gioia.

No, stavolta non sarei rimasta inerte; l’avrei portato davvero con me, anche al prezzo di costringerlo. Saremmo cresciuti insieme, come nutriti contemporaneamente dallo stesso latte. Sarebbe stato difficile all’inizio, ma sapevo che per avviare le nostre vite al cambiamento, sarebbe bastato intraprendere piccoli passi; l’essenziale era non permettere oltre alla solitudine di schermare i nostri corpi, impedendoci di restare uniti.

È anche un romanzo di formazione, per quelle coppie che vivono la famiglia, per quelle mamme che credono di conoscere i propri figli, per quelle sorelle e per quei fratelli che spesso danno per scontato il legame di sangue. E anche per quei fidanzati che pensano di amare in maniera sottintesa e silenziosa.

Avevo di nuovo le braccia per agire, una mente non oppressa dal ricordo di eventi irreparabili, e sentivo che il vello grigio, che aveva reso ciechi i miei giorni, si stava sciogliendo; non avevo il minimo pretesto per lasciarmi trascinare: dovevo creare gli eventi.

Un inno alla vita, che parte dalla morte dell’esistenza, un inno alla volontà, che sveglia anche gli inerti, un inno alla gioia, che è indice di energia cui tutti siamo chiamati a realizzare dopo il risveglio di un lungo coma indotto.

Caterina Saracino
Grigio
Eiffel edizioni
Pagine 200
Prezzo di copertina € 12,00

Maria Ausilia Gulino

Maria Ausilia Gulino

Teacher – Journalist