L’erba canta – Doris Lessing

La pubblicazione del primo romanzo di Doris Lessing coincide con il definitivo abbandono dell’Africa, dove la scrittrice trascorse i primi trent’anni della sua vita.
In questo primo romanzo della Lessing sono presenti i temi che la scrittrice affronterà nella sua futura produzione letteraria: l’Africa, il rapporto nero-bianco e il ruolo della donna sempre in lotta tra natura e cultura.
L’erba canta è, infatti, ambientato nella Rhodesia meridionale (attuale Zimbawe), in una fattoria, dove la vita è condizionata dal ritmo della natura e delle stagioni, dal caldo e dal freddo gelido, dalla luce accecante e dal buio totale.

È la storia dolorosa di una giovane coppia di coloni degli Anni ’40, incapaci di interpretare i ruoli che la società coloniale impone, finendo per essere perdenti in una realtà in cui è sufficiente essere bianchi per diventare ricchi e vincenti. Il loro rifiuto di conformarsi li conduce all’emarginazione e alla solitudine.
Il tema centrale è la colonizzazione e il rapporto bianco-nero, padrone-servo.

La Lessing mette a nudo, con coraggio, il mondo dei bianchi e la loro “civiltà”, che non può ammettere che un uomo bianco e in particolare una donna bianca possa avere un rapporto umano con un uomo nero. Nel romanzo lo schema razzista bianco-nero è infranto da un rapporto umano conflittuale e trasgressivo. Il nero Moses infrange la regola, ribalta i ruoli, aiutando e proteggendo la folle Mary, indotta al matrimonio dal conformismo sociale, chiusa in un suo mondo autistico.

Alla tragedia umana della colonizzazione subentra il dramma privato di Dick e Mary e il loro infelice matrimonio. La solitudine di Mary con il progressivo ritiro dalla realtà e il percorso della sua follia, causata dall’aver subito un matrimonio per convenzione e non per libera scelta, vivendo con un uomo e in un mondo che non accetta.

Il racconto, come scatole cinesi, va dal Sudafrica al distretto agricolo dei coniugi Turner, alla fattoria, alla loro casa e da questa alla minuscola veranda, dove Mary attenderà la morte, ricordando il dolore della madre accanto a un uomo indegno sempre ubriaco, il padre. Su Moses proietterà le paure e il desiderio dell’incontro con l’uomo più temuto, la fosca figura del genitore. Una tappa sadica, ineluttabile per Mary verso l’autodistruzione.

Solo nella follia Mary diviene padrona della sua verità e per la prima volta sarà libera di scegliere il proprio destino, che coincide con la morte.

 

L’erba canta
Doris Lessing
La Tartaruga, 2003
Pagine 238
Prezzo di copertina € 11,36

 

Avatar

Maria Franze'

Author