Alice dietro lo specchio – Alessandro Morgante

Se siete alla ricerca di un racconto breve, ma intenso, che si sappia esprimere attraverso una prosa delicata ed altamente evocativa, Alice dietro lo specchio di Alessandro Morgante potrebbe fare al caso vostro. L’opera è stata pubblicata nel maggio 2014 in formato digitale da Koi Press, ed è disponibile su Amazon.
Si tratta di un viaggio in autobus che la protagonista Alice compie intorno alla città di Milano: un “appuntamento” rimandato a lungo e che si rende ineluttabile. Un itinerario che diventa spirituale, trasformandosi in catarsi e in un nuovo inizio.

In fin dei conti questo viaggio servirà proprio a questo, a chiudere il tassello mancante e sigillare i mostri nella mia testa.

Ogni capitolo si sviluppa su due piani temporali, paralleli e differenti. Il presente, dove Alice osserva quello che capita davanti ai suoi occhi e descrive gli altri passeggeri, suoi compagni di viaggio; e il passato, che si materializza attraverso vari flash back. L’ambiente circostante e i personaggi che lo affollano diventano un pretesto, affinché la ragazza possa parlare di un episodio doloroso che le ha profondamente segnato la vita.

Alice ci parla dell’incontro con Andrea, il suo compagno, conosciuto durante una sfortunata partita di beach volley a diciotto anni; del suo atipico rapporto con le amiche; del primo bacio “rubatole” per ingenuità a tradimento; fino a giungere al doloroso episodio della malattia della madre e della morte avvenuta poco dopo.

Questo evento traumatico ha contribuito a rendere insicura Alice – forse già ragazza problematica perché troppo sensibile. La giovane ha iniziato a soffrire di attacchi di panico, rifiuta il cibo e, benché sia in realtà molto magra, si vede sempre brutta e grassa.
Il viaggio, ma soprattutto la sua destinazione, servirà finalmente a pacificarsi con se stessa e a concedersi il perdono.

Si rese conto che non avrebbe potuto fare nulla di più di quel che aveva fatto per aiutarla a guarire o alleviare le sofferenze. Si rese conto che le doveva solo dire addio.

Alice, che fino a prima di salire su quell’autobus, dalla morte della madre era rimasta come “sospesa” e sembrava vivere dietro ad uno specchio che le filtrava le emozioni e gliele rimandava acuite o distorte, può così intraprendere il suo viaggio di “ritorno”. Tornerà alla vita, riuscendo a “riattraversare” quello specchio e lasciando che il passato diventi tale.

Spesso, in poche pagine si celano veri e propri capolavori. Perché non occorre dire tante parole per esprimere un concetto e trasmettere un’emozione.
Alice dietro lo specchio, con la sua breve storia che si legge in mezz’ora, ne è un esempio palese.
Una lettura consigliata a chi vuole far pace col passato e, soprattutto, non teme di ripercorrere le tappe più dolorose della propria esistenza.

 

Alice dietro lo specchio
Alessandro Morgante
Koi press, 2014
Lunghezza stampa 34
Prezzo di copertina € 0,49

 

Cristina Biolcati

Cristina Biolcati

articolista, scrittrice e poetessa