Programma la tua realtà quantica. Come cambiare la mappa del cervello per creare una vita eccellente – Riccardo Tristano Tuis

Nel secondo volume del metodo Zenix viene presentato un nuovo potente mezzo per creare la nostra personale realtà: il MetaMind Modelling, che possiamo applicare per cambiare la nostra vita attraverso la mente.
La società vuole spesso che ci si metta una maschera quando, invece, basterebbe rimanere bambini per essere liberi, non soggetti a invidia, ad avidità ed altre pulsioni negative.
Spesso copiamo i comportamenti altrui e ne consegue che molti processi mentali che si attivano in noi lo fanno autonomamente. In questo contesto non ha senso parlare di libertà e di libero arbitrio e l’autore arriva a chiedersi se essi «siano da noi realmente impiegati o siano solo due parole vuote con cui ci attribuiamo delle caratteristiche che invece non abbiamo», dato che appunto i nostri processi mentali sono per circa il 90% programmi che si attivano autonomammente in noi.

Che cosa ci può rendere schiavi? I campi mentali condivisi («singoli bit d’informazione impiegati per strutturare le menti ad una visione omogeneizzante e polarizzata»); la nostra personalità con il suo pensiero predefinito, con i suoi condizionamenti e le sue certezze; le emozioni, che scelgono spesso per noi e dalle quali dipende anche il libero arbitrio poiché esso non è legato alla sola volontà ma dipende appunto da emozioni conscie e inconscie.

L’encefalo viene paragonato dall’autore ad un biocomputer e i neuroni a processori. Durante il corso della vita ci “vengono inseriti” software mentali che pensano per noi, ci uniformano e ci vincolano rubandoci quindi il libero arbitrio. I programmatori ombra sono la somma di tutti i software inconsci che strutturano o manipolano la “nostra” personalità e il “nostro” relativo sistema di credenze.
Per diventare liberi dobbiamo cambiare la programmazione da noi subita. Come? Acquisendo nuove informazioni, nuovi punti di vista, nuove idee, stando attenti anche a come viviamo e a come ci alimentiamo. In questo modo aumentano le connessioni cerebrali, cambia l’architettura neurale e così la coscienza migliora e aumenta la consapevolezza.

Le reti neurali non sono però uguali in ogni persona. È opportuno, quindi, che ogni individuo si attivi a conoscere le proprie, capisca come pensa e sia in grado di spegnere le reti che non vuole e riprogrammarle. Il percorso che si dovrebbe fare dovrebbe portare allo stadio emotivo finale (stadio 4), arduo da raggiungere, nel quale si è consapevoli dei processi emotivi poiché non sono più inconsci ma visibili attraverso l’auto-osservazione. In questo stadio si è anche in grado di gestire l’emozione pur rimanendo coerenti con ciò che siamo o con l’obiettivo che vogliamo raggiungere. Il volume offre spiegazioni, tecniche e buone abitudini per intraprendere questo percorso spiegando anche i meccanismi biologici che ne sono coinvolti.

Programma la tua realtà quantica. Come cambiare la mappa del cervello per creare una vita eccellente
Riccardo Tristano Tuis
Uno Editori, settembre 2016
Pagine 324
Prezzo di copertina € 14,90

 

Maria Luisa Tomasini

Maria Luisa Tomasini

Docente, laureata in Scienze Biologiche