In viaggio con il maestro – Chiara Grandi

Cos’è il Reiki? Come molti sanno, il Reiki «è una tecnica giapponese basata sul riequilibrio delle energie individuali mediante l’imposizione delle mani». Il nome Reiki deriva dall’unione di due sillabe, “Rei”, che significa spirituale, “Ki”, che significa energia, forza vitale. Quindi il Reiki è una «divina arte di guarigione energetica».
Molto spesso vi è un atteggiamento scettico quando si parla di metodi e terapie perlopiù di origine orientale, poiché la nostra logica di pensiero vive in un ordine terreno-lineare e ha bisogno di prove scientifiche per poter considerare vera una realtà fuori dall’usuale portata umana. Ma la logica è molto limitata alle manifestazioni che si ritengono evidenti, ovvero fisiche, materiali, che nel tempo trovano – e troveranno man mano – le loro risposte. Nonostante ciò, occorrerebbe iniziare a considerare tutto quello che è vita ed esiste sotto forma vivente da un punto di vista più “alto”, quindi umanamente più umile. Occorrerebbe spogliarci da ogni pregiudizio, convinzione, o abitudine mentale, e indossare nuovi occhi. E prima ancora di avere uno sguardo più profondo e ampio, sarebbe necessario pensare col cuore, pensare dal cuore.

Fatta questa premessa, abbiamo il piacere di dare il nostro piccolo contributo a un cammino divenuto libro per mezzo di parole e immagini, dal titolo In Viaggio con il Maestro. Alla ricerca delle origini della tradizione, scritto da Chiara Grandi ed edito da Edizioni Maria Rosa Garatti.

L’autrice racconta la sua personale storia, che vede una ragazza ventenne alle prese con la sua vita, sentire istintivamente un richiamo, scorgere e seguire le linee di un progetto di vita che si rivelerà essere il suo disegno animico, il suo «compito» sulla Terra, il quale inizierà a prendere concretamente forma in uno splendido luogo qual è il Giappone, dove ha avuto origine il metodo di trattamento Reiki Ryoho, fondato dal Maestro Mikao Usui, che aprì la prima scuola nel 1922.
Certamente tutte le vie umane sono lastricate da ostacoli e prove da superare, col fine ultimo di condurre ineffabilmente verso situazioni e incontri significativi, i quali rivestono le nostre vite di una speciale, intima verità. Decisamente uno degli eventi più importanti della scrittrice è stato l’incontro con il Reverendo Hyakuten Inamoto, che le trasmetterà la consapevolezza delle sue potenzialità, le quali la stessa autrice svilupperà per mezzo di un atteggiamento semplice e disciplinato, ma anche curioso e costante. Il Reverendo Inamoto le farà dono di un luminoso viaggio «alla ricerca delle origini della tradizione» del Reiki Ryoho, di cui Chiara Grandi si farà portatrice in Italia.

Il libro è scritto con un linguaggio fluido, semplice e coinvolgente insieme. Composto da parti dialogiche, dove l’autrice conversa col Reverendo, e da esperienze personali, che conferiscono alla lettura quel singolare senso d’ascolto interiore.
Si evince, inoltre, l’importanza per la scrittrice di sottolineare la differenza tra il Reiki giapponese e quello occidentalizzato. In merito a quest’ultimo afferma:

«Perché il Reiki occidentalizzato non aveva funzionato al 100% su di me? Perché quel particolare metodo mi aveva portato fuori dallo schema della vita quotidiana per entrare in un altro schema fatto di regole da seguire, mentre il metodo del monaco non mi aveva dato direttive ma solo linee guida, cioè esercizi da rilasciare una volta trovata la mia personale connessione con il Tutto».

E aggiunge che

«Il Komyo differisce dagli altri tipi di Reiki perché enfatizza l’abbandono totale dell”Io” all’Energia Universale durante il trattamento. Il Komyo Reiki insegna a seguire l’istinto, in particolare».

Nel prezioso percorso di vita che l’autrice condivide con Il Reverendo Inamoto, nascono e si acuiscono una stima e un affetto sempre più profondi per colui il quale considererà per sempre il suo Maestro e da cui verrà sostenuta nel suo progetto di “importazione del metodo” in Italia nel 2004, con l’obiettivo comune di diffondere il Reiki tradizionale.

«Il mio maestro Inamoto è stato in grado di farmi capire quanto è fondamentale il rispetto della forza della tradizione e quanto è necessario restare comunque aperti al nuovo. È importante capire che ciò che è stato fatto ha lasciato un’impronta in ogni forma utilizzata, in ogni suono creato in precedenza e ha rafforzato questi strumenti. La nostra mente deve, comunque, essere sempre flessibile e accettare tranquillamente il cambiamento».

La scrittrice asserisce che le persone, dopo aver svolto l’esercizio di tre settimane di auto trattamento, iniziano a rendersi conto che esiste una forza oltre la materia. Certamente chissà quante volte avrà “avuto luogo” questa percezione nell’esatto modo da lei descritto, ma a noi piace poter aggiungere che alle volte la percezione che le persone vivono, venga confermata da questa forza che agisce invisibilmente sulla materia, da sembrare quasi esterna nonostante sia intimamente appartenente a ogni forma esistente: l’Amore. La cosa meravigliosa di questi eventi è che in entrambi i casi – o in qualsiasi modo Lei voglia – tale brillante Luce arriva e accende il semplice vivere quotidiano.
Vogliamo concludere questa recensione con una riflessione: già da tempo la Scienza ha riconosciuto l’esistenza dei corpi sottili di cui l’uomo è composto. La bellezza e l’utilità di un metodo di trattamento Reiki (come di altri metodi) è la sua capacità di intervenire contemporaneamente sul corpo fisico e sui corpi sottili, aiutandoli a guarire come fossero un unico corpo. In effetti se ci si ragiona li si vede separati, ma se ci si sofferma a percepirli non esiste separazione. Ecco perché ogni trattamento olistico, se fatto con strumenti conoscitivi adeguati e con buon senso, portano uno “stra-ordinario” effetto nel benessere generale della vita umana.

Pensate un momento: se ciò che agisce nei trattamenti è Luce, di cos’altro potrebbe trattarsi se non d’Amore divino? E a cos’altro potrebbe voler condurre l’Amore divino se non alla Pace interiore e all’Armonia?  

 

In viaggio con il maestro. Alla ricerca delle origini della tradizione
Chiara Grandi
Edizioni Maria Rosa Garatti, 16 marzo 2014
Pagine 80
Prezzo € 15,00

 

Monica Murano

Monica Murano

Giornalista e poetessa