Il gabbiano Jonathan Livingston – Richard Bach

Il gabbiano Jonathan Livingston è un romanzo breve scritto da Richard Bach, un pilota dell’aeronautica americana. La prima edizione è del 1970, rivelandosi in quegli anni un vero e proprio best seller in molti paesi del mondo. Dal 1977 è nelle librerie italiane, in qualità di simbolo per chi vuole imparare a conoscere i propri limiti e si propone di superarli. Un cult, un’opera che bisognerebbe leggere almeno una volta nella vita.
Il gabbiano Jonathan è un anticonformista, poiché intraprende una vita che allontana dalla banalità e capisce, a differenza dei suoi compagni, che oltre al cibo un gabbiano vive «della luce e del calore del sole, vive del soffio del vento, delle onde spumeggianti del mare e della freschezza dell’aria».
Per questo, egli trascorre le sue giornate a perfezionarsi nell’arte del volo, “là soletto”, lontano dal suo stormo chiamato Buonappetito. Contro il parere dei suoi genitori, che si mostrano sconsolati per lo strano comportamento del figlio. Ebbene sì, Jonathan Livingston non è un gabbiano come gli altri.

La maggior parte dei gabbiani non si danno la pena d’apprendere, del volo, altro che le nozioni elementari: gli basta arrivare dalla costa a dov’è il cibo e poi tornare a casa. Per la maggior parte dei gabbiani, volare non conta, conta mangiare. A quel gabbiano lì, invece, non importava tanto procurarsi il cibo, quanto volare. Più di ogni altra cosa al mondo, a Jonathan Livingston piaceva librarsi nel cielo.

Al gabbiano preme di sapere ciò che si può fare alzandosi in volo, su, liberi nell’aria. Ma a causa di questi suoi “prodigi fuori dal comune”, egli viene esiliato dallo stormo e diventa “reietto”, condannato a vivere in solitudine. Finalmente è libero di dare sfogo alle sue inclinazioni, di conseguire la picchiata verticale, l’atterraggio rasoterra, la velocità virata e molto altro. Jonathan diviene presto una guida per tutti coloro che hanno la forza di ubbidire alla propria legge interiore quando sanno di essere nel giusto, nonostante i pregiudizi altrui.

Jonathan è quel vivido piccolo fuoco che arde in tutti noi, che vive solo per quei momenti in cui raggiungiamo la perfezione.

Il libro di Bach è una favola in cui viene utilizzato un linguaggio molto semplice. Egli si è ispirato a un pilota acrobatico di nome John H. “Johnny” Livingston, attivo nel periodo a cavallo fra gli anni Venti e Trenta.
La critica non sempre gli è stata favorevole, ma la storia di Jonathan il gabbiano inneggia alla forza di volontà e all’importanza di ottenere ciò che si vuole, al di là della paura di essere giudicati. Un bel messaggio, degno di nota. Nonostante tutto.

Il gabbiano Jonathan Livingston
Richard Bach
BUR Biblioteca Univer. Rizzoli, 2012
Pagine 112
Prezzo di copertina € 8,00

*I dati tecnici si riferiscono all’edizione del 2012. Ci sono molte edizioni di questo libro.

 

Cristina Biolcati

Cristina Biolcati

articolista, scrittrice e poetessa