Il profumo della pioggia nei Balcani – Giordana Kuic

Un libro importante che attraverso la vicenda di una madre e delle cinque figlie – le sorelle Salom – racconta un pezzo di storia importante, quello del conflitto mondiale. Le sorelle Salom vivono a Sarajevo, con una madre energica e affezionata ai valori tradizionali, e un padre che resta in secondo piano per tutto il romanzo. Ci sono anche due fratelli, ma la storia riguarda soprattutto le donne. Donne legate alla tradizione, ebree sefardite e che parlano ladino, ma la cosa di cui si rimane colpiti è il fatto che nel corso della vita faranno delle scelte anticonformiste fino all’invasione della Serbia fino alla seconda guerra mondiale, e alla successiva liberazione.

Le piaceva, la pioggia. Più volte in vita sua era uscita in strada con un impermeabile di gomma e un paio di galosce, a passeggiare da sola sotto un diluvio scrosciante. Saltava nelle pozzanghere con le mani in tasca, mentre l’acqua sgocciolava dalla tesa del cappello. Dilatava le narici per sentire l’odore penetrante dell’acqua piovana, e il suo cuore palpitava al pensiero della celeste dolcezza che impregnava lei e le strade su cui camminava.

Donne ognuna con un uno proprio carattere, ma quella che colpisce di più è Riki che sceglie il teatro, la danza, e diventa una ballerina famosa.

“Mamma! voglio un vestito nuovo!” ripeté Riki per la ventesima volta con una vocetta piagnucolosa e un’espressione determinata sul viso minuscolo.

Un carattere ribelle ma che viene quasi punito dal destino. Ella però non si arrende, divenendo un esempio di forza invincibile.

 

Il profumo della pioggia nei Balcani
Giordana Kuic
Bollati Boringhieri, 2015
Pagine 604
Prezzo di copertina € 19,00

Claudia Crocchianti

Claudia Crocchianti

Giornalista pubblicista e scrittrice